Latest Posts
Top
Monte Pisano / Il Territorio  / Anatra in dolceforte [le ricette del Monte Pisano]
1 Ago

Anatra in dolceforte [le ricette del Monte Pisano]

Share the post!

Seppur decisamente ristretta, l’area del Monte Pisano conta 7 amministrazioni comunali, ognuna con una sua tradizione culinaria e storica.

Oggi vi racconto di una ricetta tipica calcesana, in onore di Sant’Ermolao patrono (la prima domenica di Agosto) di questo paesino alle pendici del nostro amato monte. Calci è famoso per le passeggiate sul Monte Faeta, il Museo di Storia naturale e la Certosa ma ha anche questo piatto, cucinato per la giornata del patrono.

Anatra in dolceforte

Si racconta che questa ricetta sia nata, appunto, a Calci, in quanto un tempo ricchissima di corsi d’acqua che muovevano i numerosi mulini e frantoi e, che, per una “oculata economia” in molti allevassero anatre per uso familiare. Sebbene questo piatto sia noto in Toscana con il cinghiale, i calcesani per la festa del patrono Sant’Ermolao, con l’avanzo della cioccolata delle uova (che si sarebbe sciupata con l’arrivo dell’estate), cucinavano questa pietanza con l’anatra. Ancora oggi per la stessa occasione, si può trovare in alcuni ristoranti!

Ingredienti:

  • un’anatra a pezzi
  • aglio (4 o 5 spicchi)
  • salvia
  • sale
  • pepe
  • pinoli 60 gr (…rigorosamente pisani)
  • uvetta 60 gr
  • ½ bicchiere di aceto rosso
  • vino bianco
  • cioccolata fondente 120 gr
  • olio extravergine di oliva (…rigorosamente di Calci!)

Procedimento:

In una teglia si arrostisce l’anatra con olio extravergine di oliva, sale, pepe e salvia, bagnando ogni tanto con il vino bianco fino ad arrivare alla cottura e facendo rimanere un po’ di sughetto. A questo punto, tolta l’anatra dalla teglia, sempre sul fuoco mettiamo la cioccolata facendola sciogliere con l’aceto, i pinoli e l’uvetta precedentemente ammollata. Aggiunta nuovamente l’anatra nella teglia, giriamola bene nel sugo di cioccolata (se risultasse troppo asciutto si aggiunge ancora un goccio di vino bianco). Questo ultimo passaggio va eseguito in pochi minuti per evitare che la cioccolata si bruci!

Il piatto è pronto e… c’è proprio da leccarsi i baffi!

Vuoi restare sempre aggiornato sul Monte Pisano?
Iscriviti subito alla nostra newsletter!

Dichiaro di aver letto e accettato la privacy policy

Share the post!
Pietro Pestarini

Girare il mondo, una passione che mi accompagna da sempre, oltre allo sport, la cucina ed i motori. Sono un ex-chef che dopo anni in cucina si è reinventato, riprendendo gli studi in turismo e marketing per approdare infine al Montepisano Store. Spero che vi piaccia leggere ciò che scrivo, perché ciò che racconto è autentico e lo vivo in prima persona.