Latest Posts
Top
Monte Pisano / Il Territorio  / Guglielmo Marconi, Coltano e i riflettori su Rio De Janeiro
30 Apr

Guglielmo Marconi, Coltano e i riflettori su Rio De Janeiro

Share the post!

Non tutti conoscono un pezzo di storia abbandonato alle porte del Monte Pisano; io stesso ne ero all’oscuro, ma appena ho letto il primo articolo riguardante questo straordinario luogo, ho voluto subito approfondire!

Coltano, piccola frazione collocata a sud di Pisa, comprende un’ampia area di campi coltivati, ed una vasta pineta; è compresa tra l’Aeroporto di Pisa-San Giusto a nord, il Camp Darby ad ovest, le frazioni di Collesalvetti Guasticce e Stagno a sud e la SR206 “Via Emilia”, località Arnaccio, ad est. Ma soprattutto, a Coltano si trova la stazione radio di Guglielmo Marconi, ad oggi purtroppo ridotta a un rudere.

La prima stazione radio in Italia

All’interno della pineta vi era una parte di proprietà dei Savoia, Granduchi della Toscana, che decisero di offrirla per la grande impresa che sto per raccontarvi. Si tratta, infatti, della prima stazione radio in Italia (e giudicata la più potente al mondo), dalla quale il premio nobel Guglielmo Marconi nel 1911 inviò il primo segnale radio in Europa, Africa e America.

Una scoperta incredibile ed un grande passo avanti verso futuro e tecnologia che oggi sono alla base della nostra vita quotidiana.

Trasmettitore radio ricostruito con materiale recuperato da sotto le macerie della Stazione Radio minata dai tedeschi, Coltano 1946. (© photo credits: Wikipedia)

Purtroppo, durante la seconda guerra mondiale, precisamente nel 1944, la stazione radio venne fatta saltare in aria dai tedeschi in ritirata, distruggendo antenne e parte della costruzione rendendola inagibile.

Verso la rivalutazione di questo importante pezzo di storia

Da quel giorno ad oggi, tanti sono stati i progetti di rivalutazione dello stabile, ma nessuno è mai stato portato a termine. Finalmente di recente, sembra sia stato trovato un accordo per ricostruire questo pezzo di storia dal valore inestimabile e farlo diventare così un museo aperto a tutti.

La principessa Elettra, figlia di Marconi, ha ricevuto dal Rotary di Pisa un premio alla memoria del padre; negli anni ha sempre lottato perché si facesse di questo luogo abbandonato un museo che rendesse giustizia all’impresa del padre.

Sembra finalmente stia per arrivare il giorno in cui verrà data nuova vita al posto che, nel lontano 12 ottobre 1931, in occasione delle celebrazioni per i 439 anni della scoperta dell’America, fece accendere i riflettori sul Cristo Redentore di Rio De Janeiro. Siete pronti?

Vuoi restare sempre aggiornato sul Monte Pisano?
Iscriviti subito alla nostra newsletter!

Share the post!
Pietro Pestarini

Girare il mondo, una passione che mi accompagna da sempre, oltre allo sport, la cucina ed i motori. Sono un ex-chef che dopo anni in cucina si è reinventato, riprendendo gli studi in turismo e marketing per approdare infine al Montepisano Store. Spero che vi piaccia leggere ciò che scrivo, perché ciò che racconto è autentico e lo vivo in prima persona.